Quando l’emigrato torna a casa, un mix di pensieri e sensazioni si affollano nella sua testolina. Prima ancora del viaggio fisico, comincia quello mentale, in cui si immagina spiaggiato come un mammifero eutero, cullato dalle onde che delicatamente si infrangono sul bagnasciuga, spettinato dal soffio della brezza marina.

Un po’ ci spera sempre, l’emigrato, che a recuperarlo in aeroporto ci sia il comitato d’accoglienza del quartiere con le sue massime rappresentanze. Ma anche stavolta, ad abbracciarlo, si presenta un monogenitore, scazzato per il ritardo dell’aereo e per la mezz’ora di sonno perduta.

Dopo la prima notte insonne per il caldo, la luce dei lampioni, i gatti che si menano per strada, e un cuscino da troppo tempo trascurato, ecco che l’emigrato è pronto per la sua prima giornata di vacanza. L’ha sognata per tante settimane quella piacevole sensazione di noia mortale, che solo poche volte all’anno si può concedere; ma ecco che, mentre fa capolino in cucina per la colazione, sbuca un foglio sul tavolo, e non un fogliettino qualunque, ma un A4 di tutto punto, e non si preannuncia niente di buono.

L’emigrato non può sottrarsi agli impegni quotidiani previsti nella routine della casa madre. C’è da comprare questo, da spostare quello, da accompagnare quell’altro, da aspettare che arrivi codesto. Si impossessa allora dell’emigrato un leggero senso di colpa, d’altronde lui non c’è mai, e non può far finta che gli altri non abbiano bisogno del suo supporto, anche se per poco.

Finite le faccende, eccolo in versione psicologo, mentre si fa carico con eroica pazienza, delle varie problematiche che affliggono la metà dei suoi conoscenti. Solo allora si rende conto che la sua vita all’estero, è protetta dentro una bolla di sapone, e così vuole che resti. Immacolata.

Quando tocca la sabbia rovente di mezzogiorno con i suoi piedini anemici, scoppia quasi a piangere l’emigrato, tanto che vorrebbe condividere la sua gioia infantile con qualcuno, ma sa che i suoi amici tedeschi non apprezzerebbero, e allora si limita a far rodere il culo unicamente a una persona: il suo capo. Tò beccati questo!


Leggere in riva al mare: un lusso dimenticato. L’emigrato ringrazia per quel momento di vita vissuta pienamente, respira profondamente cercando di non tralasciare nemmeno un briciolo di aria buona, che gli servirà al suo rientro. Il corpo freme, i ventricoli cominciano a pulsare forte, contraendosi e rilassandosi all’impazzata, in una dolce esperienza tachicardica non meglio identificata. È così che l’emigrato scopre di soffrire di pressione bassa, seduto sotto un sole che non lo vuole più, tradito da anni di nuvole e grigiore.

Arriva poi l’ora di pranzo, l’emigrato si trascina verso casa tra svarioni e debolezze, e ad attenderlo, i suoi vecchi coinquilini, ormai nonni, agitati come se l’ospite d’onore non fosse semplicemente il loro pargolo un po’ acciaccato. Presentano a tavola decine di pietanze, tutte accomunate dal fatto di avere un sapore. È felice l’emigrato: si nutre soddisfatto e gaio, dimenticando che per cucinare, sua madre, utilizza tutto l’armamentario disponibile nella stanza, e visto che i piatti toccheranno a lui, non è più tanto felice.


Il giro tra parenti e amici continua spensierato, tra un caffè all’ombra per evitare svenimenti (che tristezza), e un aperitivo lungo una cena. Finalmente può dedicarsi interamente ai suoi amici, l’emigrato, implorandoli di andare a trovarlo, perché sente terribilmente la loro mancanza, e già che ci sono, che portassero anche un pezzettino di tramonto con loro, così da mostrare ai profani cos’è che davvero conta.

Annunci

11 thoughts on “Quando l’emigrato torna a casa

  1. Rebecca Antolini ha detto:

    E bello tornare a casa, ich habe manchemal “Heimweh” non so come si dice in italiano Heimweh .. nostalgia della patria.. buone vacanze 😉

    Liked by 1 persona

    1. Ich habe immer Heimweh! 🙁 la Sardegna mi manca molto, ma ora sono di nuovo a Berlino 😎 buona serata Rebecca!

      Mi piace

      1. Rebecca Antolini ha detto:

        hai già finito con le vacanze… io vado a ottobre in Austria, ho una nipote che vive a Berlino esattamente a Bernau bei Berlin, dovrei anche visitarla lei 😉

        Liked by 1 persona

      2. Che bello! Vedrai dei posti bellissimi 😍😍

        Mi piace

      3. Rebecca Antolini ha detto:

        … non vedo l’ora 😉

        Liked by 1 persona

  2. Sarino ha detto:

    da emigrato capisco perfettamente quello che dici! Sono trent’anni che vivo in un altra città e trent’anni che torno a casa, ogni anno come un rito e ogni anno assolutamente diverso dall’altro!

    Liked by 1 persona

    1. Trent’anni sono davvero tanti.. io sono lontana da casa da “soli” 8 anni, e mi sembra un’eternità 🙂

      Liked by 1 persona

      1. Sarino ha detto:

        30 oppure 8 non cambiano il senso del distacco! Ti auguro che la vita di emigrante ti possa regalare tante soddisfazioni a parziale ricompensa di quanto lasciato! Ciao

        Liked by 1 persona

      2. Spero anche io ci sia sempre un giusto bilanciamento, è fondamentale per andare avanti. Buona fortuna anche a te e a presto 🙂

        Liked by 1 persona

  3. Sarindi ha detto:

    Una divertente ricostruzione di una vita spaccata tra passato e presente…in terra straniera!

    Liked by 1 persona

    1. Grazie, sono contenta che ti sia piaciuto 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: