La dura vita dell’emigrato comincia al mattino, mentre fa colazione accanto alla finestra e si lascia coccolare dal tiepido grigiore che trapassa dalle tendine. Gira distrattamente il latte macchiato e volge lo sguardo intorno, in cerca d’amore, ma trova solo l’ultimo pacco di caffè rimasto sullo scaffale, quello che sua madre aveva comprato in offerta al supermercato sotto casa e lui aveva trasportato con ingordigia nel bagaglio da stiva insieme a olio, formaggi e leccornie varie. E bestemmia l’emigrato, bestemmia concitato, perché sa che il Lavazza Qualità Rossa in Germania costa un occhio della testa. E no, non ha intenzione di comprarsi quello demmerda del discount per risparmiare, perché va bene tutto, ma al caffè buono non rinuncia.

La dura vita dell’emigrato prosegue poi con l’accensione del cellulare. La sua genitrice è in piedi da ore, a differenza del figlio lontano, ed è ormai avvezza all’uso spropositato di smartphone e altre tecnologie. Essa invia puntuale ogni mattina una simpatica vignetta ricevuta dalle amiche in cui si augura il buongiorno, si decantano inni alla frustrazione, o ancora massime sul fatto che sia lunedì e non bisogna preoccuparsi dell’istinto omicida provato, perché è tutto normale. Va tutto bene. Lui ci prova a spiegare alla madre che tutti questi video animati e fotografie non se li incula di striscio e appesantiscono la memoria del telefono, ma dopo qualche giorno di silenzio forzato, lei torna alla carica più indemoniata di prima, perché quella barzelletta faceva troppo ridere, e alla fine di quel lungo messaggio c’era scritto di mandarlo a tutte le persone speciali della rubrica, che facevo non te lo mandavo? Mi manchi cuore della mamma.

La dura vita dell’emigrato torna alla ribalta ogni volta che mette piede su Facebook, Instagram, o un qualsiasi altro mezzo dove sia ancora legale pubblicare immagini e fotografie. Non lo ammetterà mai, ma il vero emigrato, quello che sta fuori per lavoro e non per la vacanzuola finanziata dalla famiglia, vi odia, vi odia tutti. Voi e quelle stramaledette foto di cieli azzurri e mari brillanti! Avete rotto le palle! Possibile che in Italia non piova mai? #estatetuttolanno #dicembre22gradi #gennaioalmare #febbraioinmagliettina, e ce lo vogliamo mettere anche mezzo chilo di #stograncazzo? L’emigrato torna a casa la sera distrutto dalle avversità della sua vita all’estero, e legge con invidia nera, fastidio e sdegno i vostri post delle 10:00, delle 11:00, di mezzogiorno e anche delle tre, e si chiede se sia stato l’unico pirla a lavorare quel giorno.

Ma veniamo alle cose belle.

La riscoperta delle stagioni: da quando si è trasferito al nord, l’emigrato ha acquisito una maggiore consapevolezza di come va il mondo. C’è l’inverno infame, poi sboccia la primavera, arriva il caldo estivo, e infine il fresco autunnale. Tutto ha di nuovo un senso, le mezze stagioni qui non si sono estinte! Grazie a questa incredibile novità, l’emigrato ha imparato a godere dei 10 gradi di massima, roba che sua madre starebbe barricata in casa a battere i denti dal freddo e lamentarsi. Ma lui no, lui gira in canotta con orgoglio e se ne fotte della carnagione da morto perché gli altri sono più bianchi di lui. Ora può addirittura capire i turisti stranieri che fanno il bagno nel mare di marzo, e non li deride più, perché sa bene quello che hanno dovuto sopportare nei mesi precedenti. Le calze bianche coi sandali, per quelle no, non riesce ancora a farsene una ragione. È troppo presto.

Libertà a 360 gradi. Solo dopo il suo trasferimento a Berlino, l’emigrato ha colto davvero il significato della parola libertà: libertà di coltivare piantagioni di peli su ogni angolo del corpo, libertà di emettere flatulenze mortali durante l’ora di Pilates, libertà di insultare i pedoni che invadono le piste ciclabili, libertà di lasciar toccare e spostare e manomettere qualsiasi cosa faccia piacere al bambino perché deve poter esprimere la propria personalità. In pratica ognuno qui fa un po’ il cazzo che vuole, e l’emigrato cerca di trarre il massimo beneficio da tutto ciò, non senza dei leggeri fastidi di tanto in tanto. Si sconvolge della naturalezza con cui si propaga il delicato odore di merda mentre fa gli addominali in palestra, ma la cosa che lo sconvolge maggiormente è il fatto di non poter contare su sguardi complici intorno, nemmeno per farsi una risatina tra un conato e l’altro, tanto che arriva a chiedersi se sia lui quello sbagliato. Nel dubbio, meglio respirare con la bocca.

Annunci

11 thoughts on “Vivere all’estero: gioie e dolori

  1. Rebecca Antolini ha detto:

    Mi hai regalato un sorriso, mi torna in mente quando vivevo in Germani per quasi 10 anni.. sono quasi cresciuta li per dire…

    L’Austria il mio dialetto e l’accoglienza mi mancavano tanto.. .. ormai vivo qui in Italia 22 anni e non mi manca neanche l’Austria..

    Io emigrante mi sono integrata in qualche maniera 🌻

    Liked by 1 persona

    1. Ciao! 🙂 sono felice di averti regalato un sorriso. Integrarsi in un nuovo paese è complesso ma non impossibile. Io scherzo tanto ma in Germania mi trovo molto bene, anche se a volte è proprio difficile capire la cultura tedesca 😅 l’importante è non arrendersi mai, c’è sempre una soluzione per tutto 🙂 buona giornata e a presto 🌸

      Mi piace

      1. Rebecca Antolini ha detto:

        i tedeschi 😉 insomma sono anche simpatici.. io mi trovo bene con i bavaresi die Bayern sono un pò come noi austriaci e come i sudtirolesi … sono un popolo per se…

        io qui a Verona mi sento a casa, anzi meglio ho trasformato la casa mia in Heimat ..

        non e sempre facile vivere lontano dai proprio origine..

        ich wünsche Dir eine schöne Woche 🌻

        Liked by 1 persona

      2. No non è facile, ma piano piano ci si integra e allora si comincia a sentirsi a casa. Per me adesso Berlino è quasi casa 🙂 penso sempre alla mia Sardegna, ma non si vive di sola nostalgia.. ich wünsche dir auch eine schöne Woche, liebe Grüße aus Berlin 🌸

        Mi piace

      3. Rebecca Antolini ha detto:

        Caspita, parli bene tedesco, una delle figlie del mio fratello vive a Berlino (la ribelle) lei dice la manca l’Austria solo per l’ambiente ma la gente e molto più aperto a Berlino… Auch dir noch eine schöne Woche, herzliche Grüße aus Verona 😉

        Liked by 1 persona

      4. Eheheh il tedesco bisogna impararlo bene per stare qui 😉 come tu hai imparato benissimo l’italiano 😍

        Mi piace

      5. Rebecca Antolini ha detto:

        grazie, ascolta io guardo il tg tedesco e austriaco… ora ti faccio una domanda come pensano i berlinesi al riguardo della Angela Merkel?? E tropo presto a dirlo ma secondo te lei c’è la fa un’altra volta?

        Liked by 1 persona

      6. Ciao e scusa per il ritardo 🙂 sono immersa nelle mie vacanze romane ❤ non so se la Merkel ce la farà, sono un po’ fuori dal tema e non riesco a fare un pronostico 😉 staremo a vedere

        Mi piace

      7. Rebecca Antolini ha detto:

        Non ti preoccupare… abbi buone giorni di pasqua … 😉

        Liked by 1 persona

      8. Grazie e buona Pasqua anche a te ☺️☺️

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: